.
Annunci online

wobegon
right or wrong, my laundry


That's All Folks


11 ottobre 2006

American Roots


Non e' facile crederci ma, dopo tutti questi anni, e' ancora senza macchia e senza paura..E fa ancora il piu' grande spettacolo del mondo.

(l'originale American Roots e' qui)




permalink | inviato da il 11/10/2006 alle 21:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


6 aprile 2006

Un'idea, un progetto, la speranza..

Per migliorare la realta' con te..Il futuro, il futuro con noi verra'..la difesa della vita, la certezza del lavoro, presto vedrai verra', verra'...
Il Corrierone ha ragione: l'inno dell'Udeur e'
 mitico (l'imperdibile mp3 e' qui: io e' tutta la sera che l'ascolto). D'altra parte a chi non e' in fondo simpatico Mastella?




permalink | inviato da il 6/4/2006 alle 7:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


1 aprile 2006

Storie per il weekend

A New York oggi debutta nel ruolo di protagonista del Fidelio di Beethoven alla Metropolitan Opera Erika Sunnegardh, una simpatica svedese quarantenne che ha fatto la cameriera e guida turistica per vent'anni a Manhattan, prima di scoprire di avere la voce ed il talento per darsi alla lirica.
A Bari, domenica alle 10 di mattina, 
Punta Perotti va giu', e cliccando sul sito lo si puo' vedere in diretta.
A Indianapolis
George Mason, il piu' incredibile degli underdogs, cerchera' di vincere il campionato universitario di basket. sarebbe la prima volta che i libertari vincono qualcosa.




permalink | inviato da il 1/4/2006 alle 21:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


8 dicembre 2005

L'uovo di Colombo

La corporation che ha inventato Babbo Natale, e ha reso possibile uno dei tre film piu' divertenti della storia del cinema, sta per svelare un'altra idea geniale: una bevanda fatta di coca cola e caffe'. Io sono parecchi anni che la sperimento nella versione fatta in casa (caffe'-cocacola-caffe'-cocacola e' la sequenza giusta per tirare una notte bianca), e mi sa che potrebbe perfino funzionare..






permalink | inviato da il 8/12/2005 alle 19:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


19 novembre 2005

Bull's eye

Wobegon, Amazon.com has new recommendations for you based on 30 items you purchased or told us you own:
1) Recursive Methods in Economic Dynamics (ce l'ho)
2) Friends - The Complete Ninth Season (diciamo che ce l'ho in famiglia)
3) The Emotional Brain: The Mysterious Underpinnings of Emotional Life (ce l'ho)
4) The Feeling of What Happens: Body and Emotion in the Making of Consciousness (ce l'ho, anche se non l'ho letto)
5) The World Is Flat: A Brief History of the Twenty-first Century (ce l'ho)
6) Recursive Macroeconomic Theory : Second Edition (ce l'ho, me lo sono fatto mandare gratis con la scusa che mi serviva per insegnare microeconomia uno..)
7) Friends - The Complete First Season (in famiglia)
8) Blink : The Power of Thinking Without Thinking (pensavo di farmelo prestare)

cazzo, non sono un uomo: sono uno stereotipo!




permalink | inviato da il 19/11/2005 alle 23:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


15 novembre 2005

Dorothy, we are not in Kansas anymore

E' sempre strano ricordarsi che guardare il Mago di Oz senza sapere chi era William Jennings Bryant e' come leggere La Fattoria degli Animali senza avere mai sentito parlare di Stalin...
(per gli economisti il link giusto e' questo)




permalink | inviato da il 15/11/2005 alle 2:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


14 novembre 2005

Marines


Visto Jarhead: un mezzo il Deserto dei Tartari, un quarto Ufficiale e Gentiluomo ed un quarto Band Of Brothers. Complessivamente irrisolto. Commenti piu’ dettagliati e sensati nell’ottimo numero del Magazine del New York Times di ieri, tutto sul rapporto fra Hollywood e la guerra in Iraq.

Poi: nella messa laica delle 6 pm che e’ il telegiornale PBS del venerabile Jim Lehrer due giorni fa c’era Nathaniel Fick, un marine che ha letto tutto Senofonte e parecchio Tacito, e poi ha scritto un libro di memorie sulla guerra attuale. Molto articolato, molto dettagliato nello spiegare i dilemmi tattici delle unita’ da lui comandate (qui una sua opinione sul caso Calipari), preciso nel definire la relazione strategica della leadership civile e quella militare degli USA. Chiaro nel definire le sue priorita’ di sergente: “fare in modo che sia io che i miei soldati, a guerra finita, se sopravviveremo, potremo guardarci nello specchio senza dover abbassare gli occhi. E se qualcuno dovesse non farcela, poter andare dai suoi genitori a spiegargli perche’ e’ successo, senza dover mentire.

Mi ha colpito molto, sono ragionevolmente certo che risentiremo parlare di lui, o nel campo degli affari o in una competizione elettorale. Rivelatore del carattere dell’uomo la risposta ad una domanda dell’intervistatore, che ricordava come, in un episodio del libro, lui da sergente si fosse dovuto imporre ai suoi superiori nel pretendere che due bambini iracheni feriti in uno scontro a fuoco fossero curati, mettendo a rischio gli uomini del suo plotone. Ho sentito mille militari descrivere fatti simili in termini di “natura dell’esercito americano”, o di “convincere hearts and minds”, o di “fundamental humanity”. Lui invece ha detto: sono responsabile di un certo materiale umano, i miei soldati, e devo conservarli il piu’ possibile intatti per portare a termine la mia missione. Intatti fisicamente, ed intatti psichicamente. In questo caso ho ritenuto di rischiare la loro incolumita’ fisica per manterne quella mentale, piu’ importante nel lungo periodo. So far per i bambini iracheni.


Infine: un buon dialogo di un altro libro di memorie della guerra del golfo:

Ehi sergente, che pensi tu di tutto questo? Gli chiedo.

Tutto cosa? Mi risponde senza smettere di battere a macchina.

Beh, a me sembra che gli iracheni abbiano ancora un beneamato sacco di capacita' offensiva, non ti pare?

Per quanto riguarda il materiale? Sicuro. Ma meta' delle missioni ormai non fanno altro che rovesciargli sopra la miglior dannata propaganda del mondo, questi poveracci fottuti..se non si prendono un colpo nella schiena prima, ce li vedremo uscire dalle loro buche che votano repubblicano..

Scoppio a ridere. Davvero?

Si. Davvero. Tu, di tutte le persone, dovresti saperlo che e' questo che fa dell'America la piu' grande superpotenza del pianeta: il lavaggio del cervello. L'America e' il primo paese al mondo che si governa sul principio che nessuno vuole morire per una causa, ma moriamo tutti dalla voglia di vivere per una. Che poi va bene: la stessa tecnica che usano per tenerci tutti soddisfatti e pigri, contro il normale istinto umano di esprimersi e di realizzarsi, e' abbastanza potente da renderci anche tutti arrabbiati e pronti a combattere, contro il normale istinto umano di sopravvivere e di prolificare. La virtu' stara pure nel mezzo, ma L'America e' lo sfruttamento riuscito degli estremi. E le persone del mondo cominciano a rispondere a questa idea. Funziona.

Sei sicuro di essere un marine? Chiedo.

Si. Ma sono un marine cinico.

Joel Turnipseed. Baghdad Express, A Gulf War Memoir.

(e' la storia di uno studente dell'universita' del Minnesota catapultato nella guerra del 1991)




permalink | inviato da il 14/11/2005 alle 3:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


20 ottobre 2005

Flip flops

Nuova bufera di polemiche sulla FEMA (la protezione civile americana) perche' nei giorni dell'uragano Katrina ha acquistato un gran numero di beni di prima necessita' pagandoli il prezzo al dettaglio, invece che quello all'ingrosso (andavano da Wal Mart con la carta di credito federale). In particolare critiche alla spesa di 223 mila dollari in flip flops. E nessuno a sottolineare che se hai perso tutto in un'inondazione l'ultima cosa che vuoi vedere sono le scarpe da doccia..




permalink | inviato da il 20/10/2005 alle 6:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 ottobre 2005

Lezioni noiose?

Mi avevano detto che e' una pratica diffusa all'Universita' dell"Illinois, ne ho visto uno qui, ma ora pare che sia una moda: ci sono studenti che vengono a lezione in pigiama in tutti gli Stati Uniti. 
Questo il commento piu' indovinato: ''Pajama bottoms would be an improvement for some of our kids,'' said Ogden High School Principal Ed Jenson.




permalink | inviato da il 18/10/2005 alle 1:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


9 ottobre 2005

Lo studente col cappello da baseball ed altri personaggi

L'ottimo sogniebisogni sta facendo una serie di divertenti (e verissimi) post sulla fenomenologia della lotta di classe nel Midwest, intesa come classe di universita'. La tesi di fondo e' che gli studenti sono come un mazzo di figurine Panini: Baggio non si trova mai, ma ci sono sempre almeno cinque copie di Scarnecchia..




permalink | inviato da il 9/10/2005 alle 19:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Teatro da Tradurre
Cassate
Minnesota Nice
Washington DC
Perle nella rete
That's All Folks
Povera Patria

VAI A VEDERE

NOMI:

mencken
garrison keillor
francescodenti
lucatelese
marioadinolfi
camillo
sogni in indiana
raccoon a NY city
leibniz
ispirati a chicago
becker & posner
rabbi' a barcellona
hawkish twins
iraq the model
talisman gate
per un pugno di euro
l'anticamera del cervello
margo'
andrew sullivan
daily kos
christopher hitchens
atlanta
micro is trendy
jaisalmer
mele e champagne
rivelazioni sulla east coast
kerub
kamau
cheremone
noiseFromAmerika
lisa goldman

COSE:

43 things
piled higher and deeper
il termometro politico
david byrne radio
world income distribution
national public radio
cavoletto di bruxelles
seinfeld scripts

ANIMALI:

ircocervo
unicorno
conservatore compassionevole
ateo devoto
chimera
liberalsocialista
ne' carne ne' pesce

CITTA':

roma
minneapolis
brindisi
buenos aires
barcellona
solvang
kilombo
tocque-ville





Cosa e'
Wobegon? (e cosa e' il  Lake Wobegon Effect?)

Altri commenti:
wobegon.blog@gmail.com







Bohr: When the ships arrived on the wednesday, there were 8,000 jews in Denmark to be arrested and crammed into their holds. On the Friday evening, at the start of the Shabbat, when the SS began their round up, there was scarcely a jew to be found.
Margrethe: they'd all been hidden in churches and hospitals, in people's home and country cottages.
Bohr: But how was that possible? Because we'd been tipped off by someone in the German embassy. Your man?
Heisenberg: One of them
..
Bohr: Heisenberg, I have to say - if people are to be measured stricly in terms of observable quantities..
Heisenberg: Then we should need a strange new quantum ethics. There'd a place in Heaven for me.

M. Frayn, "Copenhagen"

 



 
Supremo geometra segreto iniziato alle mistiche simmetrie del libero mercato scandinavo e medioccidentale, della loggia dei liberi muratori di Bloomington 




Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001.

CERCA